Il Neorealista Roberto Rossellini

Roberto Rossellini in realtà non è stato soltanto Neorealista come dice il titolo, bensì è stato molto di più, poiché ha sperimentato la Nouvelle Vague francese di Truffault, Godard e Rivette, ha sperimentato la prima televisione italiana, ma è comunque passato alla Storia per due titoli principali del Neorealismo, ossia Roma Città Aperta con Aldo Fabrizi e Anna Magnani e Paisà.

Roberto Rossellini era un neorealista perché girava per le strade durante la guerra o subito nei mesi che questa era terminata, utilizzava attori non professionisti e in generale la realtà dell’epoca era riprodotta al 100%.

I suoi trascorsi lo videro impegnato anche durante l’epoca fascista, periodo in cui il cinema era un potente strumento di propaganda e diffusione dei valori fascisti.

Roberto Rossellini è passato alle cronache internazionali, oltreché per la sua fama di registra, vincitore tra l’altra di numerosi riconoscimenti cinematografici, per la storia d’amore con Ingrid Bergman, nota attrice svedese dell’epoca, con la quale ebbe un rapporto strettissimo nato un po’ per caso e un po’ per destino da una lettera..

Il loro rapporto dette vita a Isabella e Isotta Rossellini e a Robertino. Isabella Rossellini è anch’essa divenuta una grande attrice.

Per non dimenticare Roberto Rossellini a 110 Anni dalla sua nascita, inseriamo due spezzoni di Roma Città Aperta e Paisà.

Buona Visione!

Image courtesy of encinematheque.fr