Il Veneto diventa parte dell’Italia

Come molti già sapranno, al momento dell’Unità d’Italia, non tutte le regioni erano facenti parte dell’Italia come quella odierna.

Roma, per esempio, divenne “italiana” nel 1870, quando il potere temporale del Papa cessò e la famosa Breccia di Porta Pia si fece tangibile.

Trento, Udine, Trieste diventarono italiane durante la Prima Guerra Mondiale, mentre Venezia, Verona…quando lo divennero?

Precisamente 150 Anni fa, durante la Terza Guerra d’Indipendenza.

Lo divennero però in maniera indiretta, ossia non tramite una vittoria in battaglia o una vittoria schiacciante della guerra con conseguente sconfitta catastrofica, bensì tramite un armistizio tra Austria, Prussia e Francia.

La guerra effettivamente si svolse, ma la flotta italiana che si confrontò con gli Austriaci, perlopiù nel Mar Adriatico, subì enormi perdite, nonostante la forza austriaca in mare non fosse un granché.

Ciò nonostante, grazie agli accordi definiti successivamente alla Guerra e alle alleanze in campo, l’Italia ottenne il Veneto (Ottobre 1866).

Oltre ad avere il Veneto, il governo italiano comprese che per essere competitivo a livello navale, avrebbe dovuto ri-organizzarsi e investire sul materiale logistico e umano; proprio a seguito di tale sconfitta, nacque l’Accademia Navale di Livorno (1878).

Image courtesy of Chris Chabot