L’Arno si prende Firenze…

Il 4 Novembre del 1966 l’Arno si prese Firenze come un nemico agguerrito che assedia una roccaforte e la fa propria.

Oltre a Firenze, l’Arno si prese anche numerose città che attraversa, tra le quali Pontedera, attraversata sì dall’Era, ma affluente, quest’ultima, dell’Arno. Il dramma dell’alluvione fu vissuto anche nella città della Piaggio.

Nel 1966 non ero neanche nei pensieri dei miei genitori, ma l’alluvione che scosse Firenze e buona parte della Toscana mi è ben impressa. L’acqua scavalcò gli argini della città gigliata, per propagarsi nelle vie limitrofe, arrivando in Piazza Santa Croce da una parte e in Oltrarno dall’altra.

I danni furono ingenti, ma la cosa più ingente in assoluto fu la collaborazione. Numerosissime persone, giovani e non, giunsero a Firenze e nelle città vicine, per aiutare a salvare le opere d’arte, i manufatti, i libri e a recuperare quello che si poteva recuperare all’interno delle botteghe degli artigiani. Queste persone diedero vita al movimento volontaristico de “Gli Angeli del Fango”.

Per mantenere viva la memoria di quello che successe il 4 Novembre di 50 Anni fa, la Regione Toscana, d’accordo con i Comuni interessati, propone una serie d’iniziative, osservabili sul sito toscana.firenze2016.it

 

Image courtesy of Pier Lugi Sarri by Flickr