In ricordo di Donatello

Il 13 Dicembre di ogni anno si celebra Santa Lucia, patrona di Siracusa e simbolo della giornata più breve dell’anno; un detto popolare recita, appunto, così; “Santa Lucia la giornata più corta che ci sia”.

Il 13 Dicembre del 1466, in pieno Rinascimento, moriva anche Donatello alias Donato di Niccolò di Betto Bardi, fiorentino doc, che durante il periodo della rinascita delle arti e delle umane lettere, fu scultore, disegnatore e orafo.

Per le sue opere utilizzò numerosi materiali pregiati, dal marmo bianco alla terracotta, passando per pietra serena e legno. Alcune delle sue opere maggiori furono il David in bronzo, il pulpito esterno del Duomo di Prato o l’Orsanmichele della chiesa di San Giorgio in centro a Firenze.

Collaborò anche alla realizzazione di alcune facciate in vetro di Santa Maria del Fiore, a Firenze. Inventò lo stile dello “stiacciato” che comportava modifiche millimetriche agli spessori dei materiali che usava.

Insieme a Filippo Brunelleschi e Masaccio fu uno dei maggiori protagonisti dell’epoca.Girando per Firenze, è possibile osservare molteplici opere che hanno la sua impronta.

Il ritratto in evidenza è in realtà un autoritratto di Donatello esposto al Louvre di Parigi.

David di Donatello