Il giovane sorpassa il maestro; Giotto

In terza superiore quando affronti lo sviluppo dell’Umanesimo, ti viene presentato Cimabue come il maestro dei maestri della pittura dell’epoca; in realtà, subito dopo, ti vien detto che il maestro dei maestri fu superato in capacità pittoriche da Giotto, giovane mugelliano che fece di Firenze, Assisi e Roma le sue destinazioni principali in ambito pittorico.

Secondo Giorgio Vasari, noto biografico cinquecentesco di Firenze, Giotto sarebbe morto intorno all’8 Gennaio 1337, indi per cui su Tempuss lo celebriamo nella data di oggi come 680 anni dalla morte.

Di Giotto sappiamo che ha dipinto nella Basilica di San Francesco ad Assisi, ha creato numerose pale e tele esposte nella Galleria degli Uffizi a Firenze e sempre nel capoluogo toscano, ha dato vita, insieme ad architetti e scultori, alla Torre di Giotto, adiacente alla Basilica di Santa Maria del Fiore; salire le centinaia di scalini che conducono alla cima, costituisce un’esperienza unica per godere di Firenze dall’alto.

Inoltre Giotto osserva tutti i passanti nel corridoio en plein air degli Uffizi, come raffigurato nella foto in copertina.

Image courtesy of McPig by Flickr